Consigli di prevenzione al femminile

Adottare uno stile di vita corretto è il primo passo per prevenire un tumore, effettuare regolarmente esami di screening permette poi di individuarlo precocemente, aumentando così le possibilità di guarigione.

Infine, anche quando il tumore si è già manifestato, si può intervenire adottando tutte le misure a disposizione per evitare che si ripresenti. I capisaldi della prevenzione sono dunque i controlli e gli stili di vita ottimali.

È provato che un‘attività fisica moderata ma regolare protegga dal tumore. L’effetto benefico è in parte legato al controllo del peso –  l’obesità è un fattore di rischio tumorale – e in parte alla riduzione dei livelli di insulina nell’organismo, che, se troppo elevati, facilitano la proliferazione cellulare, e dell’ormone IGF (insulin like growth factor) che sembra favorire in particolare il carcinoma mammario. 

In sintesi un’attività fisica costante e moderatamente intensa agisce in modo positivo sul metabolismo, riducendo la concentrazione di alcuni ormoni direttamente implicati nei meccanismi del tumore sull’infiammazione e sul sistema immunitario.

Quali esami fare e quando?

Oggi la prevenzione può essere personalizzata, cioè studiata in base alle caratteristiche di ogni donna e della sua famiglia. Esistono tuttavia alcune raccomandazioni generali da seguire:

Dai 20 anni ogni donna dovrebbe eseguire un’autopalpazione del seno, una settimana dopo il ciclo;

Per le donne dai 25 ai 30 anni è consigliato il pap test ogni 3 anni per identificare precocemente le alterazioni cellulari del collo uterino;

Dai 30 anni di età oltre all’autopalpazione è raccomandata una visita senologica ed ecografia del seno una volta all’anno;

Dai 40 anni in poi è necessario effettuare una mammografia ogni anno e spesso si associa una ecografia quando il seno è particolarmente denso.

È necessario consultare uno specialista per sapere quali esami preventivi sono più adatti ed è importante ricordare che la mammografia non è pericolosa, poiché la quantità di raggi a cui espone è molto bassa e rimandare l’esame per paura delle radiazioni espone a rischi molto maggiori dal punto di vista oncologico.

Condividi

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti, fornire funzionalità aggiuntive e ottimizzare la navigazione